Diluvio – Un viaggio nella psiche e nella genesi del cambiamento

Pubblicato il

In Breve...

Opera ricca in termini di significato che rappresenta un doppio viaggio: uno nello spazio e l'altro nella mente del viaggiatore che questo viaggio lo esperisce in prima persona e cambia, proprio come è giusto che sia, in concomitanza dei cambiamenti dell'ambiente esterno.

Diluvio si presenta come un’opera breve, scritta e disegnata dall’artista italiano Lord Violent, cordiale esumamorti dal 1807, anche noto come LVCE1807. L’opera è racchiusa in un volume unico pubblicato direttamente dalla casa editrice Jundo Comics.

Foto di @anerddiary su Instagram

La trama. Un doppio scenario

La narrazione si sviluppa in maniera quasi diretta, senza darci il tempo di riflettere, catapultandoci direttamente nelle vicende che vedono protagonisti due uomini, entrambi scienziati, in perenne conflitto. Entrambi in missione spaziale, essendo stati mandati a vivere nella prima colonia lunare di sempre, si trovano a dover affrontare le difficoltà della “convivenza” in uno spazio tanto grande quanto ristretto, quale è quello dello spazio.

“Ti abituerai presto agli spazi angusti qui nello spazio”

“Solo la mente è uno spazio abbastanza ampio”

Tuttavia, nonostante a prendere maggiormente piede vi siano proprio le vicende di questi due scienziati che, in costante conflitto, cercano di farsi strada lungo questa nuova realtà, si aggiunge anche qualcosa d’altro alla narrazione, quasi in contemporanea. All’interno di questa, infatti, di tanto in tanto, si fanno strada delle sequenze a colori apparentemente discostanti dal tono freddo delle vicende principali. Ma saranno davvero così scollegate? Se da un lato le tavole in bianco e nero rappresentano una realtà, dall’altro le tavole a colori ne rappresentano un’altra. Due realtà apparentemente sconnesse ma che, col tempo, si incontrano e si intrecciano, fino a dar vita ad una storia ricca di consapevolezza e conquista, più connessa che mai.

Il fumetto come viaggio nei meandri della mente

Quando si leggono opere complesse, spesso si rimane perplessi, quasi sbigottiti quando si arriva alla conclusione di queste. Siamo sicuri di aver capito ciò che voleva essere il messaggio dell’autore? O forse abbiamo solo frainteso? O ancora peggio, forse l’opera aveva un’interpretazione del tutto libera? Spesso sono questi i pensieri che ci balenano nella mente. Diluvio non è assolutamente esente da queste i dubbi. Una volta concluso sono rimasta attonita, quasi perplessa circa ciò che avevo appena letto. Tuttavia, non ne sono uscita completamente inconsapevole. Sono riuscita, anzi, a cogliere un qualcosa di molto rilevante.

Cos’è stato Diluvio per me? Certamente una lettura drammatica e fantascientifica, ma non solo. Diluvio, come si evince stesso dal titolo, ha rappresentato per me una pioggia violenta che, con tutta la sua violenza, è riuscito a sovrastarmi di angoscia e terrore. Perchè vi dico questo? Perchè, se da un lato, attraverso le vicende in bianco e nero, sono riuscita a cogliere una specie di situazione distruttiva perpetrata sulla base della menzogna, dall’altra ho colto una sorta di rivelazione. Le vicende a colori non sono altro che l’incespicare del nostro protagonista verso una progressiva presa di consapevolezza, di sé e del mondo circostante. Consapevolezza che si dirama in uno scenario frammentario quasi onirico.

Ho letto, quindi, a Diluvio come ad un doppio viaggio: uno nello spazio e l’altro nella mente del viaggiatore che questo viaggio lo esperisce in prima persona e cambia, proprio come è giusto che sia, in concomitanza dei cambiamenti dell’ambiente esterno.

Il tutto viene poi accompagnato e arricchito dalla capacità artistica molto singolare dell’autore che, col suo tratto spigoloso e rigido, rende egregiamente la dualità dei due scenari e l’eleganza dei diversi personaggi.

Conclusioni

In conclusione, mi sento di spezzare una lancia a favore di quest’opera senza dubbio rivoluzionaria, definibile quasi come un’odissea della mente (riferimento 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick). Meriterebbe certamente più attenzione, in quanto davvero riflessiva ed in grado di rapire l’attenzione del lettore e di inserirlo quasi a forza nel dramma illustrato, senza possibilità di fuga.

Purtroppo però, c’è anche da dire che si tratta di un’opera complessa che non credo sia adatta a tutti. Oltre che per la sua complessità, a renderla difficilmente appetibile per i molti potrebbe anche essere lo stile di disegno, magari non comune e, dunque, non apprezzato dai più. Io stessa, inizialmente non impazzivo di gioia alla vista di tavole tanto distanti dal mio genere di preferenza. Nonostante ciò, dopo appena qualche pagina, ho iniziato ad apprezzare e ammirare la linea di demarcazione che viene spesso utilizzata per i volti dei personaggi. Mi ha vagamente rimandato alla corrente artistica del cubismo, in tutta la sua geometricità.

Nonostante ciò, mi sento comunque di consigliarvi di recuperare quest’opera, magari tentando prima con la sua versione online, sulla piattaforma di Jundo Comics. Riuscirà indubbiamente a lasciarvi qualcosa e a non farsi dimenticare tanto facilmente.

Grazie a tutti per aver letto fino qui. Alla prossima recensione!

spot_img

Gli Ultimi Articoli

Prime Video svela la data d’uscita della quarta stagione di “The Boys”

Prime Video ha annunciato che la serie drama di successo mondiale, vincitrice dell’Emmy, The Boys,...

PANINI COMICS – Dal 22 febbraio al 17 marzo un’imperdibile promozione con il catalogo scontato del 20%

Anche quest’anno Panini Comics riserva ai suoi lettori un’imperdibile promozione che permetterà di recuperare dal catalogo...

Demon Slayer arriva al cinema: verso l’allenamento dei pilastri – Recensione in anteprima

Arriva al cinema il film evento di Demon Slayer: Demon slayer verso l'allenamento dei pilastri.

BEST MOVIE COMICS AND GAMES 2024 – Il poster di Leo Ortolani e i primi ospiti. Aperte le prevendite

Torna a Milano Best Movie Comics and Games, manifestazione nata nel 2022 in occasione del ventennale...

Ti potrebbe interessare

PANINI COMICS – Dal 22 febbraio al 17 marzo un’imperdibile promozione con il catalogo scontato del 20%

Anche quest’anno Panini Comics riserva ai suoi lettori un’imperdibile promozione che permetterà di recuperare dal catalogo...

Demon Slayer arriva al cinema: verso l’allenamento dei pilastri – Recensione in anteprima

Arriva al cinema il film evento di Demon Slayer: Demon slayer verso l'allenamento dei pilastri.

Trizia ritorna in Italia

Lo Scarabocchiatore Edizioni torna con una nuova pubblicazione, questa volta la casa editrice lascia...
Opera ricca in termini di significato che rappresenta un doppio viaggio: uno nello spazio e l'altro nella mente del viaggiatore che questo viaggio lo esperisce in prima persona e cambia, proprio come è giusto che sia, in concomitanza dei cambiamenti dell'ambiente esterno.Diluvio - Un viaggio nella psiche e nella genesi del cambiamento